Domenico Losappio – Gian Carlo Alessio: uno studioso (anche) di ars dictaminis

La bibliografia delle opere di Gian Carlo Alessio legate allo studio della teoria e della pratica dell’ars dictaminis è l’occasione di ricordare il ruolo pionieristico ricoperto da questo maestro nella messa a fuoco dell’importanza delle disciplina (anche attraverso l’edizione magistrale del Candelabrum, fonte d’ispirazione per generazioni, nel 1983, a cui si aggiunge nel 2023 quella dei Dictamina legati all’attività di Bonfiglio di Arezzo), con un ampio ciclo di studi cominciato quando questo settore degli studi mediolatini era considerato da molti trascurabile.

Gli studi sull’ars dictaminis godono di una lunga tradizione, ma sembra evidente che quello che stiamo vivendo sia un periodo particolarmente florido per questo settore: lo testimoniano diversi progetti di ricerca ad esso dedicati, fra i quali quello cui afferisce il sito internet che ospita il presente articolo, segno dell’interesse a livello internazionale per l’argomento. Altra prova tangibile è rappresentata dalle numerose pubblicazioni che hanno visto la luce recentemente, tanto sul fronte della manualistica quanto – e ancor più – su quello delle edizioni critiche, il cui numero è effettivamente cospicuo e riguarda opere sovente mai edite prima. Per quanto riguarda la manualistica fra i lavori più recenti si potranno ricordare quelli messi a punto e/o coordinati da Florian Hartmann, Benoît Grévin e Anne-Marie Turcan Verkerk. Sul fronte delle edizioni la lista dei lavori apparsi negli ultimi dieci-quindici anni è discretamente lunga – indice di un’attività intensa e feconda sia sul piano quantitativo che su quello qualitativo – e segna certamente un incremento notevole rispetto a quanto edito in precedenza. Senza alcuna pretesa di esaustività, si potranno qui appena ricordare, fra gli altri, i lavori curati da Elisabetta Bartoli, Filippo Bognini, Elena Bonomo, Luca Core, Fulvio Delle Donne, Paolo Garbini, Benoît Grévin, Francesca Luzzati Laganà, Michele Vescovo.

Gian Carlo Alessio

Ci sono stati tuttavia anni non altrettanto generosi, nei quali hanno operato alcuni studiosi cui si deve il merito di aver mantenuto costantemente vivo l’interesse per l’ars dictaminis e di aver fornito studi ed edizioni critiche fondamentali. Fra di essi spicca sicuramente Gian Carlo Alessio. Formatosi sotto la guida di d’Arco Silvio Avalle prima e di Giuseppe Billanovich poi, Alessio ha applicato le proprie competenze a un molteplice ambito di studi, come testimoniano le sue pubblicazioni: dalla storiografia (si pensi soprattutto alle edizioni delle cronache di Novalesa e di San Gallo, uscite rispettivamente nel 1982 e nel 2004 per la prestigiosa collana I Millenni di Einaudi) agli studi danteschi, dall’informatica applicata alla filologia (valga per tutte la menzione del progetto ALIM) alla storia delle biblioteche, fino al recente filone di studi dedicato alla storia culturale della Valtellina.

È tuttavia alle medievali artes grammaticerhetorice e dictaminis che Gian Carlo Alessio ha legato più strettamente il proprio nome. Un legame che trova le proprie radici nella sua tesi di laurea, discussa nell’a.a. 1968/69 sotto la guida – come si accennato – di d’Arco Silvio Avalle all’Università di Torino e dedicata al Candelabrum di Bene da Firenze. Un lavoro che, dopo un articolo dedicato a La tradizione manoscritta del «Candelabrum» di Bene da Firenze («Italia Medioevale e Umanistica», 15 [1972], pp. 99-148) approderà alla monumentale edizione critica apparsa nella collana Thesaurus mundi di Antenore nel 1983, superando in tal modo il parziale e imperfetto (si pensi solo all’assenza dell’apparato delle varianti) tentativo di edizione in precedenza effettuato da Giuseppe Vecchi. Tale edizione rappresenta ancora oggi un punto di partenza fondamentale, non solo per metodo sul piano ecdotico, ma pure per lo studio delle fonti: Alessio, infatti, è riuscito a mettere chiaramente in luce i rapporti del Candelabrum non solo con la tradizione dittaminale, ma anche con quella legata all’ars poetriae e, in particolare, con la Poetria nova, testo dal quale Bene preleva materiali a piene mani, mettendoli a profitto specialmente nei libri VIII e VIII del suo trattato.

Bene Florentini Candelabrum, edidit G.C. Alessio, Padova 1983

Lo studio del Candelabrum ha rappresentato per Alessio il punto di partenza per meglio determinare da un lato il contesto entro il quale i testi retorici e dittaminali circolavano e venivano usati a fini didattici, dall’altro i rapporti fra di essi e la tradizione retorica classica e medievale. All’attenzione di Alessio per la fortuna della Rhetorica ad Herennium si devono infatti non soltanto la ricostruzione del dibattito umanistico relativo alla paternità del trattato pseudo ciceroniano (An Rhetorica falso sit inscripta ad Herennium. Un promemoria, «Ciceroniana», n.s., 11 [2000], pp. 141-158 [= Atti dell’XI Colloquium Tullianum – Cassino-Montecassino, 26-28 aprile 1999 – Roma]), ma anche le precisazioni a proposito del ruolo di questo testo all’interno del programma di studi universitari tra la fine del Duecento e l’inizio del Trecento. In particolar modo, a Bologna il piano di insegnamento della retorica era di carattere binario e, a partire da Jacques di Dinant – docente presso lo studium felsineo nel 1291 –, prevedeva lo studio di un manuale di dictamen e la lectura di un classico, appunto la Ad Herennium. L’edizione critica di ciò che resta del commento di Jacques alla Ad Herennium (Il commento di Jacques di Dinant alla «Rhetorica ad Herennium», «Studi medievali», s. 3a, 35 [1994], pp. 853-894) e gli studi su Giovanni di Bonandrea (basti qui ricordare l’edizione di Un commento in volgare al Bononienatus di Giovanni di Bonandrea, in Margarita amicorum. Studi di cultura europea per Agostino Sottili, a cura di F. Forner – C.M. Monti – P.G. Schmidt, Milano 2005, pp. 23-47) hanno consentito, a partire dai testi, di far emergere molti dei materiali di cui gli studenti del tempo potevano profittare.

Da Alberico da Montecassino ad Arsegino, da Brunetto Latini a Giovanni del Virgilio a Giovanni di Bonandrea, lunga è la lista di autori legati alla retorica e al dictamen, ora più ora meno noti, cui Alessio ha dedicato le proprie attenzioni, facendo luce su questioni e nomi prima sovente oscuri. Ultimo solo in ordine cronologico è il caso di Bonfiglio d’Arezzo e dell’edizione critica dei suoi dictamina apparsa nell’Edizione Nazionale dei Testi Mediolatini d’Italia (Firenze 2023). Di Bonfiglio Helene Wieruszowski, negli anni Cinquanta del secolo scorso, per prima aveva tracciato un profilo significativo, ma si devono ad Alessio i successivi e più rilevanti passi che hanno consentito di tratteggiare in maniera meno indefinita la figura del maestro aretino: a partire dalla precisazione della sua professione (magister e non notarius), per arrivare alle convincenti dimostrazioni (anche attraverso argomenti di carattere stilometrico) relative al ricco corpus di dictamina ascritto a Bonfiglio.

Con Gian Carlo Alessio si ha insomma a che fare con una di quelle figure che segnano in modo importante (molto più di quanto il presente breve scritto possa lasciar trasparire) gli studi sull’ars dictaminis. Proprio per tale motivo si propone qui di seguito una scelta di titoli tratti dalla corposa bibliografia di Alessio: non c’è pretesa di esaustività, ma soltanto un elenco dei suoi studi essenziali e più direttamente collegati all’ars dictaminis, che può tornare utile come punto di partenza per molti percorsi di ricerca.

Bibliografia selezionata di Gian Carlo Alessio

  • La tradizione manoscritta del «Candelabrum» di Bene da Firenze, «Italia Medioevale e Umanistica», 15 (1972), pp. 99-148.
  • Restauri albericiani, «Medioevo Romanzo», 2 (1975), pp. 321-344.
  • Brunetto Latini e Cicerone (e i dettatori), «Italia Medioevale e Umanistica», 22 (1979), pp. 123-169.
  • I trattati grammaticali di Giovanni del Virgilio, «Italia Medioevale e Umanistica», 24 (1981), pp. 159-212.
  • Bene Florentini Candelabrum, edidit G.C. Alessio, Padova 1983.
  • Postilla per Arsegino, in Storia e cultura a Padova nell’età di sant’Antonio. Convegno internazionale di studi. 1-4 ottobre 1981, Padova-Monselice, Padova 1985, pp. 325-341.
  • Le istituzioni scolastiche e l’insegnamento, in Aspetti della letteratura latina nel secolo XIII. Atti del primo Convegno internazionale di studi dell’Associazione per il Medioevo e l’Umanesimo latini (AMUL). Perugia, 3-5 ottobre 1983, a cura di C. Leonardi – G. Orlandi, Perugia-Firenze 1986, pp. 3-28.
  • Il De componendis epistolis di Niccolò Perotti e l’epistolografia umanistica, «Res Publica Litterarum», 11 (1988), pp. 9-18.
  • L’«ars dictaminis» nelle scuole dell’Italia meridionale (secoli XI-XIII), in Luoghi e metodi di insegnamento nell’Italia medioevale (secoli XII-XIV), Atti del Convegno Internazionale di studi (Lecce-Otranto, 6-8 ottobre 1986), a cura di L. Gargan – O. Limone, Galatina 1989, pp. 289-308.
  • Le istituzioni scolastiche e l’insegnamento, in Aspetti della letteratura latina nel secolo XIII. Atti del primo Convegno internazionale di studi dell’Associazione per il Medioevo e l’Umanesimo latini (AMUL). Perugia, 3-5 ottobre 1983, a cura di C. Leonardi – G. Orlandi, Spoleto 1992, pp. 3-28.
  • Protostoria e storia dell’‘ars dictaminis’, in Alla lettera. Teorie e pratiche epistolari dai Greci al Novecento, a cura di A. Chemello, Milano 1998, pp. 33-49.
  • L’ars dictaminis nel Quattrocento italiano: eclissi o persistenza?, «Rhetorica», 19 (2001), pp. 155-173.
  • Due trattati di retorica nell’Italia centro-settentrionale, in Papers on Rhetoric, 5, Atti del Convegno Internazionale “DictamenPoetria and Cicero: Coherence and Diversification” (Bologna, 10-11 Maggio 2002), edited by L. Calboli Montefusco, Roma 2003, pp. 1-19.
  • Bononienatus di Giovanni di Bonandrea, in, Margarita amicorum. Studi di cultura europea per Agostino Sottili, a cura di F. Forner – C.M. Monti – P.G. Schmidt, Milano 2005, pp. 23-47.
  • Su Bonfiglio d’Arezzo, in 750 anni degli statuti universitari aretini. Atti del convegno internazionale su origini, maestri, discipline e ruolo culturale dello «studium» di Arezzo (Arezzo, 16-18 febbraio 2005), a cura di F. Stella, Firenze 2006, pp. 163-186.
  • The Rhetorical Juvenilia of Cicero and the artes dictaminis, in The Rhetoric of Cicero in Its Medieval and Early Renaissance Commentary Tradition, Edited by V. Cox – J.O. Ward, Leiden-Boston 2006, pp. 335-364.
  • Cicerone retore e l’ars dictaminis medievale, in Dante, Cicerone ed i classici latini. Atti del convegno, a cura di E. D’Angelo – G. Polara, Napoli 2010, pp. 13-34.
  • Introduzione, in Dall’«Ars dictaminis» al Preumanesimo? Per un profilo letterario del secolo XIII, a cura di F. Delle Donne – F. Santi, Firenze 2013, pp. xiii-xxxii.
  • Lucidissima dictandi peritia. Studi di grammatica e retorica medievale, a cura di F. Bognini, Venezia 2015.
  • Premessa, in Nuovi territori della lettera tra XV e XVI secolo. Atti del Convegno internazionale FIRB 2012 (Venezia, 11-12 novembre 2014), a cura di F. Bognini, Venezia 2016, pp. 9-26.
  • Bonfiglio di Arezzo, Dictamina, Edizione critica a cura di G.C. Alessio, Firenze 2023.

OpenEdition vous propose de citer ce billet de la manière suivante :
Dictamina (22 avril 2024). Domenico Losappio – Gian Carlo Alessio: uno studioso (anche) di ars dictaminis. Dictamina. Consulté le 12 juillet 2024 à l’adresse https://doi.org/10.58079/w97d


Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search