Angela Cossu

Angela Cossu si occupa di storia della tradizione manoscritta dei classici, in particolare nella forma dei florilegi latini, anche alla luce della storia delle biblioteche medievali.

Angela Cossu (Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale)

Angela Cossu si è formata all’Università di Pisa, laureandosi in Filologia e storia dell’antichità con una tesi magistrale sulla circolazione dei poemi di Ovidio nell’alto Medioevo. Dopo uno stage post-lauream all’IRHT, nel 2015 ha ottenuto un contratto di dottorato all’EPHE-PSL in cotutela con l’’Università di Pisa, difendendo nel 2019 una tesi dal titolo I florilegi prosodici e la trasmisione dei poeti latini nel Medioevo. Membro dell’Ecole française de Rome dal 2019 al 2022, nella sezione Medioevo, si è occupata della lettura dei classici nella Montecassino del sec. XI, in particolar modo alla scuola di Lorenzo d’Amalfi e Alberico di Montecassino. Membro associato del laboratorio SAPRAT (EA 4116) dell’EPHE-PSL e dell’IRHT, è attualmente assegnista di ricerca presso l’Università di Cassino e del Lazio meridionale, con un progetto di ricerca vertente sull’analisi e descrizione scientifica dei manoscritti medievali dell’Archivio di Montecassino, nell’ambito del progetto Memory of Montecassino (MEMO).

All’interno del progetto “Dictamina”, oltre ad occuparsi della gestione del carnet de recherche, studia i trattati prosodici inediti di Alberico di Montecassino (Città del Vaticano, BAV, Ottob. lat. 1354, fol. 66-89) e partecipa alla trascrizione collettiva dell’Ars epistolaris ornatus di Gaufridus Anglicus.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search