Gaia Tomazzoli

Gaia Tomazzoli si occupa di filologia e linguistica italiana medievale, con particolare attenzione al linguaggio figurato (riflessioni teoriche mediolatine, strategie retoriche romanze) e di digital humanities.

Gaia Tomazzoli (Sapienza Università di Roma)

Ricercatrice in Linguistica italiana alla Sapienza di Roma, ha studiato a Roma (Sapienza), Cambridge, Parigi (EHESS) e Venezia (Ca’ Foscari), dove ha conseguito il dottorato nel 2018 con una tesi sul linguaggio figurato di Dante che ha vinto il Premio Paola Rigo dell’Ateneo Veneto per la miglior tesi di dottorato in studi danteschi. È stata lettrice d’italiano alla Sorbonne Nouvelle di Parigi e assegnista di ricerca presso l’Università di Pisa, collaborando al progetto PRIN Hypermedia Dante Network. Le sue ricerche si concentrano sulle metafore e il linguaggio figurato in Dante e nella lirica medievale; sulla retorica e la lingua dei testi profetici medievali; sul pensiero politico di Petrarca; sulle digital humanities applicate all’edizione dei testi e alle biblioteche digitali e sulle tecnologie del Semantic Web. Ha pubblicato articoli e contributi in riviste e volumi nazionali e internazionali, e sta ultimando la sua prima monografia sul linguaggio figurato nel Medioevo, di prossima pubblicazione per le Edizioni Ca’ Foscari.

Nell’ambito del progetto “Dictamina”, fa parte del gruppo di trascrizione dell’Ars epistolaris ornatus (ms. Perugia, Biblioteca Comunale Augusta, F 62). Si occuperà inoltre della trascrizione e quindi dell’edizione preparatoria della Rosa novella super arte dictaminis di Pietro Boattieri.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search