Marco Petoletti

Le ricerche di Marco Petoletti vertono su molteplici campi di ricerca: la circolazione e tradizione dei classici latini nel Medioevo e la letteratura latina del sec. XIV (con particolare riferimento a Dante, Petrarca e Boccaccio); la cultura e letteratura a Roma nel Medioevo; gli epistolari nel sec. XII e nel sec. XIV (Martino Corbo, Ugo Metello, Giovanni Manzini, Giovanni Conversini) e le collezioni di ars dictaminis (sec. XIII-XIV) di area padana; l’epigrafia dell’Alto medioevo e la poesia carolingia (Teodolfo d’Orléans; Incmaro di Reims)

Marco Petoletti (Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano)

Marco Petoletti è Professore ordinario di Letteratura latina medievale e umanistica presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e direttore della rivista «Italia medioevale e umanistica». È membro del Comitato di Direzione della rivista «Aevum», dell’Academic Board del Corpus Christianorum e dell’Editorial Board del Corpus Christianorum. Continuatio mediaevalis, del Comitato Nazionale per la celebrazione dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri e della Commissione scientifica dell’«Edizione Nazionale delle opere di Francesco Petrarca». È Accademico Fondatore dell’«Accademia Ambrosiana di studi greci e latini». È membro del Comitato scientifico di «Studi sul Boccaccio», del Comitato scientifico del «Centro Pio Rajna», del Comitato scientifico dell’«Ente Nazionale Giovanni Boccaccio». È Responsabile dell’Archivio e Biblioteca Capitolare della Basilica di S. Ambrogio – Milano. Ha scoperto nuovi manoscritti di mano di Giovanni Boccaccio e Francesco Petrarca (sta curando l’edizione critica del De vita solitaria di Petrarca) e ha al suo attivo più di 250 pubblicazioni.

Nell’ambito del progetto “Dictamina” intende trattare una collezione di lettere lombarda, risalente alla seconda metà del sec. XIII, conservata in tre manoscritti: Firenze, Biblioteca Nazionale Centrale, Landau Finaly 17 (F, praticamente coevo all’allestimento della collezione); Wolfenbüttel, Herzog-August-Bibliothek, Helmst. 298 (G, sec. XV); Wien, Österreichische Nationalbibliothek, 401 (V, sec. XV, di area tedesca). La collezione comprende 188 testi, in prosa, ma anche in poesia, senza materiale teorico. Si distinguono un gruppo di lettere pontificie (da Onorio IV ad Alessandro IV), quasi tutte indirizzate a destinatari dell’Italia settentrionale (Milano e Brescia nello specifico) e delle epistole imperiali riconducibili a Pier della Vigna. Il pezzo più recente risale al 1268 (terminus post quem per l’allestimento della raccolta) ed è una lettera del podestà milanese Corrado Lavizario a papa Clemente IV. Importante è il gruppo di lettere di dictatores legati agli uffici dei podestà tra Milano e Brescia: emergono le figure di Ventura di Asola, mantovano (allestitore di un’altra collezione ora conservata all’Archivio di Stato di Mantova), e di Buceto di Nosigia, notaio milanese, autore di una serie di carmi sulla doppia elezione ‘imperiale’ del 1257 (Riccardo di Cornovaglia e Alfonso X di Castiglia) e in corrispondenza con un altro lombardo, di nome Bernardo, legato agli ambienti della curia pontificia. Pur non riuscendo ancora a dare una sicura fisionomia autoriale all’allestitore della collezione, è certo che questi exempla epistolarum furono allestiti negli ambienti culturali dei dictatores lombardi a servizio dei podestà di Milano e di Brescia nella seconda metà del sec. XIII. È consistente il numero di lettere trasmesse soltanto in questa raccolta.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search